MONDRAGONE: NUOVO LOOK PER IL CIMITERO PER IL LUNGO PONTE DEI MORTI

0

Mondragone. (Alfonso Attanasio) Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’AMBC dal suo portavoce Gianni Pagliaro. “Quando si è disperati – sottolinea – la gestione del Cimitero è posta dalla legge in capo al comune. E, quindi, come direbbe qualcuno: Che ciazzecca un consigliere regionale con il nostro cimitero? Perché si apposta -impettito- come un qualsiasi -e in vista del 2 Novembre -dietro la coppia di pessimi amministratori (sindaco e suo vice) in una diretta per fare propaganda? Ma questi due hanno bisogno del tutore anche per le ? Il vicesindaco con una sul cimitero e avendo da tempo finito di relazionare per la transazione in favore della COVIM, con relativo salasso per le casse comunali, perché non esercita in autonomia e permanentemente la delega, onorando l’indennità che gli passano i cittadini? Perché questo sindaco -che si ricorda del Cimitero solo alla vigilia del 2 Novembre- nella sua diretta propagandistica non ha detto il motivo per il quale i servizi cimiteriali a domanda individuale del comune di Mondragone vengono erogati , ovvero chi sa da chi, abusivamente e in maniera sommersa, non avendo il comune dipendenti a ciò preposti, avendo un regolamento d’altri tempi e non avendo né procedure e né tariffe per la loro gestione? Egregio Pacifico, hai il coraggio, insieme alle due comparse, di smentire pubblicamente e con dati alla mano l’AMBC? Di confutare ciò che denunciamo da anni circa le illegalità che si consumano nel Cimitero? Se non lo fai, prenderemo atto del tuo silenzio- assenso (e del tuo coraggio da Don Abbondio), ma anche della tua complice inerzia. Al nostro portavoce avete negato anche l’accesso a questi atti. Ma di cosa avete paura? E a proposito dello stato pietoso del Cimitero, questo sindaco si è lanciato addirittura in un appello. Che faccia tosta! Sei tu che apparecchi un minimo di decenza soltanto in occasione della ricorrenza del 2 Novembre e per soli 4 o cinque giorni, per poi lasciare negli altri 360 giorni il nostro Cimitero nel degrado e nell’abbandono! Perché continui a non portare la scelta della modalità di gestione dei servizi cimiteriali a domanda individuale in Consiglio comunale, il quale dovrebbe contestualmente decidere anche in ordine alle tariffe? Perché non ci dici come e da chi vengono smaltiti i rifiuti cimiteriali? E, a proposito di lavoretti cimiteriali, utilizzati per speculare politicamente perfino sui defunti, vi segnaliamo l’ennesimo di Pacifico & Co. Stiamo parlando di un mero atto amministrativo, della Determinazione n. 1825 del 01-10-2019 con la quale il del settore riteneva e, a tal fine, si una ditta . Si acquisiva tale preventivo e si affidavano, quindi, questi piccoli lavori di maquillage. Stiamo parlando di bazzecole, di poco più di 20mila euro, utili soltanto per cercare di togliere almeno il grosso dell’incuria permanente e per apparecchiare la diretta facebook. Ma anche questo misero atto di routine, che -tuttavia- ancora una volta sceglie l’urgenza e l’affidamento diretto, presenta qualche ombra. Del tipo: il comune chiede il preventivo a questa ditta il 21.12.2018. Si, avete letto bene: alla vigilia di Natale dello scorso anno. Ci state dicendo che voi vi stavate occupando della ricorrenza dei morti del 2 Novembre 2019 addirittura con quasi un anno di anticipo? E che un anno prima già conoscevate i lavori da fare? Mah! La ditta però risponde e manda il preventivo richiesto dopo ben 9 mesi e 4 giorni, il 25. 09.2019. Ci state dicendo che la ditta che avevate scelto vi snobba per quasi un anno senza alcuna vostra reazione e che poi d’incanto, quando essa decide, vi inoltra il preventivo? C’è qualcosa che non torna nella procedura, se non altro nei tempi del procedimento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui