EX OPIFICIO “B.B.M”. PERICOLANTE: PACIFICO FIRMA L’ORDINANZA PER LA MESSA IN SICUREZZA

0
litoraledomizio.net-Virgilio- Pacifico
Il sindaco Virgilio Pacfico

Il primo cittadino Virgilio Pacifico ha emesso un ‘ordinanza nei confronti dei proprietari di un immobile in Via Domiziana località “Penetelle”, per la messa in sicurezza, a seguito della relazione redatta dal personale del Locale Comando di Polizia Municipale e dai responsabili dell’area relativi a tale settore. È stato rilevato in tal senso o stato di totale abbandono con gravi problemi sotto il profilo statico ed igienico-sanitario lo stato di totale abbandono con gravi problemi sotto il profilo statico ed igienico-sanitario. L’immobile (dalla nota di ordinanza si evince che si tratta dell’ex opificio denominato “B.B.M.”)insiste su un’area di 34.044,00 MQ di terreno e consta di 2.850,00 MQ di area coperta distribuita su tre livelli fuori terra. Si tratta di un vecchio opificio dismesso e versa in stato di estremo degrado con solai parzialmente crollati, infiltrazioni e distacchi di materiali diffusi su tutte le superfici dell’immobile, cumuli di macerie derivanti da crolli all’interno della struttura, distacchi di blocchi lapidei dal rivestimento delle facciate. – nonostante le condizioni di impraticabilità della struttura, risultano tracce di frequentazione del fabbricato data la presenza di tracce di bivacchi e confezioni di prodotti consumati di recente oltre alla presenza di rifiuti abbandonati – il fabbricato pur non confinando con le strade limitrofe è accessibile da chiunque non essendovi alcuna recinzione del lotto per impedire l’accesso e non essendo presenti varchi di accesso al fabbricato che impediscono l’ingresso all’interno. Tali condizioni congiuntamente al pessimo stato della struttura è tale da far ritenere sussistente una situazione di assoluto rischio per l’incolumità delle persone”. oltre alle situazioni di pericolo generate dalle cadute di materiale dall’edificio e dall’accesso libero allo stesso manifesta una situazioni di abbandono dello stabile che lede l’immagine di decoro e la percezione della sicurezza urbana. Per tutte queste ragioni come già messo in evidenza sarà compito dei proprietari di provvedere immediatamente e comunque entro gg. 7 (Sette) dalla notifica della presente ordinanza (in data 11 dicembre ndr), ad eseguire i lavori di messa in sicurezza dell’edificio che consistono in: Recinzione del lotto su cui insiste il fabbricato idonea ad impedire l’accesso ai non autorizzati. – Consolidamento delle parti di immobile che minacciano rovina rimozione delle parti pericolanti dell’intonaco ed altro materiale incoerente, dall’intera facciata dell’immobile; – a tenere ordinate e pulite le aree private visibili dagli gli spazi pubblici. L’inosservanza di cui sopra è soggetta a sanzione amministrativa nei confronti dei proprietari ai sensi del comma 1 dell’art. 677 del codice penale, il quale testualmente recita“ il proprietario di un edificio o di una costruzione che minacci rovina ovvero chi è per lui obbligato alla conservazione o alla vigilanza dell’edificio o della costruzione, il quale omette di provvedere ai lavori necessari per rimuovere il pericolo, è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 154 a euro 929; che il Corpo di Polizia Locale provvederà invece, in caso di mancata ottemperanza, all’inoltro alla competente Procura della Repubblica di specifica notizia di reato ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale a carico degli inadempienti; che eventuali danni a persone e cose, derivanti dal mancato rispetto del presente provvedimento, saranno a carico dei destinatari del presente atto che ne risponderanno in via civile, penale ed amministrativa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui