venerdì, Settembre 30, 2022
HomeNews LocaliMondragoneMONDRAGONE BENE COMUNE METTE A NUDO “LE DEFAILLANCE” POLITICHE DELL’AMMINISTRAZIONE PACIFICO

MONDRAGONE BENE COMUNE METTE A NUDO “LE DEFAILLANCE” POLITICHE DELL’AMMINISTRAZIONE PACIFICO

QUI DI SEGUITO IL COMUNICATO DELL’ASSOCIAZIONE CON IL PORTAVOCE
GIANNI PAGLIARO.

“Promesse da marinaio, bilancio come <cosa loro> e fallimento alle porte. Anche per il 2019, nonostante promesse e patti, non avremo a Mondragone il bilancio partecipativo. Una delle tante proposte dell’AMBC, fatta propria da Pacifico, ma fino ad oggi- al pari delle altre- del tutto disattesa. E per il secondo anno consecutivo. Ormai questo sindaco si appalesa sempre più per essere quello delle promesse da marinaio. E così anche per il prossimo anno non vi sarà alcun coinvolgimento dei cittadini, né partecipazione dei quartieri, né tantomeno vi saranno assemblee informative sul documento più importante per la città. E così anche per il 2019 decideranno i soliti (eletti o meno), nelle solite segrete stanze (speriamo almeno municipali). La crisi della democrazia si supera con piùdemocrazia e con più partecipazione. La “democratura” locale si sconfigge, come l’AMBC ha proposto in sede di redazione del programma del Patto Civico, con la democrazia partecipativa e deliberativa. Pena il nostro ridurci sempre di più al ruolo di sudditi ignari. <Ho partecipato, ha dichiarato Gianni Pagliaro, portavoce dell’AMBC, lo scorso 5 ottobre, a Caserta, al seminario gratuito dal titolo: I comuni italiani dopo la grande crisi finanziaria. Il cantiere meridionale, organizzato dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione-SNA e dall’Università Cà Foscari, con il patrocinio della Corte dei Conti, dell’ANCI, dell’IFEL e di Lega autonomie. Centinaia di amministratori locali, di funzionari e di dirigenti comunali provenienti da ogni parte del Sud d’Italia hanno potuto ascoltare interessantissime relazioni, acquisire documentazioni- tra cui il Rapporto di ricerca 2017 sulle criticità finanziarie-e confrontarsi sui problemi di tanti enti locali e sulle soluzioni possibili C’erano tanti amministratori anche di comuni limitrofi, ha continuato Pagliaro, ma nessuna traccia di dipendenti e amministratori del nostro comune. I <nostri>, è noto, sanno tutto di tutto ed hanno il bilancio più florido d’Italia e, quindi, non possono piegarsi- come noi- al ruolo di discenti qualsiasi. Avrebbero potuto al massimoparteciparein qualità di docenti per far conoscere,<ex cathedra>,come hanno superato brillantemente le criticità della nostra città. Ironia a parte, il seminario della SNAed i contributi tecnico- scientifici emersi durante l’incontro hanno ancora una volta dato conferma, seppur in via generale, della condizione da <ultima spiaggia> del bilancio del nostro comune. Un comune ormai gestito come se fosse in dissesto (anche se non dichiarato), privato di personale, di funzioni e di servizi, con prestazioni essenziali ridotte al lumicino, con una crisi cronica di liquidità, con una ingente massa debitoriae costretto a ricorrere ad anticipazioni di tesoreria oltre il limite di quelle concedibiliper cercare almeno di far fronte agli stipendi, alle indennità e alle spese minute. La città, intanto, sprofonda, ha conclusoGianni Pagliaro dell’AMBC. A Pacifico e a tutti i suoi delegati, soprattutto quelli al welfare e alla sicurezza, segnaliamo- qualora lo avessero perso- il reportage di Avvenire sulla prostituzione minorile a Mondragone curato da Antonio Maria Mira, dal titolo Il dramma dei ragazzini in vendita alla luce del sole”

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome qui

Most Popular

Recent Comments